Registrati ora  |  Accedi       
 
Home Video Categorie Membri Blog Immagini Libri FB Board Carica Video
 

Blog HomeLeggi l'articolo
  Menù
    Scrivi articolo
    Archivio generale
    Articoli in evidenza
    Articoli vari
    Commenti
    Link e risorse
  Ultimi articoli
19-11-14 - Adoro i Maiali
01-11-14 - °° L'Essere Umano e La Sindrome di "Mazzarò" °°
28-08-14 - STORIE DI CONSAPEVOLEZZA
21-08-14 - Evoluzione
08-07-14 - Produzione casearia e cambiamento climatico
26-06-14 - Tutte le scuse portano al macello
  Articoli per categoria
Alimentazione e mondo Veg
Ambiente ed ecologia
Animali e religione
Antispecismo e biocentrismo
Appelli e richieste di aiuto
Caccia e pesca
Canili, gattili e randagismo
Circo, corrida e spettacoli
Diritti umani
Eventi, manifestazioni e incontri
Fuori dai luoghi comuni
Iniziative, campagne e proteste
La fabbrica degli animali
Leggi e norme
Liberazione Animale
Libri
Maltrattamenti e crudelta
Notizie ed avvenienti
Pelli e pellicce
Pensieri e riflessioni
Petizioni
Siti, link e risorse utili
Societa e sistema
Specismo e antropocentrismo
Storie e racconti
Trasporto animali
Video, inchieste e reportage
Vivisezione
  Manifesto Antispecista
Manifesto Antispecista
  Articoli per membro» espandi
  Contatore strage
5,468,732  Polli e Galline
269,534  Anatre
148,232  Maiali
102,118  Conigli
82,338  Tacchini
63,511  Oche
61,366  Pecore
41,109  Capre
34,794  Mucche e Vitelli
7,745  Roditori (esclusi i conigli)
7,507  Piccioni e altri uccelli
2,741  Bufali
477  Cavalli
357  Scimmie e asini
238  Cammelli e altri camelidi
 
Questo è il numero di animali uccisi nel mondo dall'industria della carne, del latte e delle uova da quando hai aperto questa pagina. Questo conteggio non include i miliardi di pesci e altri animali marini uccisi annualmente. Numeri basati sulle statistiche pubblicate da "Food and Agriculture Organization - USA".
  Blog Antispecista
Il blog di Laverabestia.org
  Disclaimer
Tutti i contenuti pubblicati dai membri di Laverabestia.org sono soggetti alle regole elencate nei termini d'uso del sito.

La pubblicazione di contenuti inseriti dai membri, con esclusione dei contenuti video, non subisce alcuna forma di moderazione preventiva.

L'amministratore di Laverabestia.org si riserva comunque il diritto di rimuovere articoli o contenuti non ritenuti idonei, non pertinenti alle finalità della video community o in violazione di dei suoi termini d'uso, impegnandosi alla loro valutazione ma senza tuttavia assumersi alcun obbligo di sorveglianza in merito.

Unici responsabili della veridicità e correttezza delle informazioni e dei contenuti pubblicati sono da ritenersi esclusivamente gli autori dei medesimi articoli.

Tutte le informazioni di questo sito vengono diffuse a titolo informativo ed in nessun caso devono o intendono sostituire le indicazioni di professionisti qualificati.

L'amministratore di Laverabestia.org e l'intestatario del relativo dominio, non possono in nessun caso essere ritenuti responsabili dei contenuti pubblicati dai membri della community.

Cerca nel blog  Cerca nel blog        Archivio generale      Feed del blog  Feed del blog        Scrivi articolo


Pubblicato il 06-10-10    Light off
Le priorità dell'Animalismo

CHIUDERE I MATTATOI, GLI STABULARI DELLA VIVISEZIONE E CONVINVERTIRE GLI ANIMALISTI AL VEGETARISMO


La cultura della nonviolenza universale del vegetarismo, del rispetto per gli animali e dell'amore per la natura si divide, idealmente, in tre fasce concentriche che corrispondono al grado di partecipazione di ognuno che a seconda della propria  sensibilità aderisce alla sfera vegetariana, animalista o ecologista. La fascia più esterna può corrispondere a quella ecologista, la fascia intermedia è quella animalista, la terza a quella vegetariana. L'essere vegetariani può essere considerato un punto di arrivo di un animalista ma anche un punto di partenza, dal momento che non è possibile essere vegetariani senza essere animalisti, come non è possibile essere animalisti senza essere ecologisti.

 

Dagli ultimi dati a disposizione risulta che in Italia vi sono circa 30 milioni di animali domestici, per deduzione vi sono almeno 10 milioni di persone che amano gli animali. Purtroppo solo alcuni di questi sono vegetariani. A mio avviso una delle priorità animaliste è quella di produrre programmi che possano convincere gli animalisti a diventare vegetariani puntando principalmente sulla grave incoerenza che vivono coloro che dicono di amare gli animali ma limitano questo sentimento al proprio cane o al proprio gatto e non si interessano della sorte degli altri animali che vengono torturati con la vivisezione, uccisi con la caccia, schiavizzati nei circhi e negli gli zoo, uccisi per le pellicce o sistematicamente sterminati nei mattatoi per imbandire le tavole anche di coloro che dicono di amare gli animali.

 

Se l'opera di sensibilizzazione sarà portata avanti con le adeguate ed incisive argomentazioni, puntando principalmente sulla incoerenza che vive un animalista non vegetariano si possono ottenere a breve distanza di tempo ottimi risultati di apertura verso la necessaria riduzione del consumo di carne e quindi risparmio di sofferenza e morte agli animali.

Il passo successivo dovrebbe essere quello di evidenziare agli ecologisti l'incoerenza che anch'essi vivono interessandosi della natura e non della protezione degli animali che sono parte inscindibile, come noi, dell'ecosistema.

 

Per quanto concerne i programmi per la chiusura dei mattatoi a mio avviso ogni associazione vegetariana o animalista dovrebbe concentrare maggiormente le sue forze su questo obiettivo finale considerandolo come simbolo delle nostre battaglie, come altrettanto la chiusura dei laboratori di sperimentazione animale. A tale scopo occorre evidenziare con la massima incisività gli aspetti positivi che ne derivano dalla progressiva eliminazione di tutti i prodotti animali dalla propria dieta e i vantaggi che ne derivano per l'uomo, per gli animali e la natura, invitando altresì a non utilizzare farmaci, cosmetici e prodotti vari sperimentati sugli animali.

 

Gli aspetti programmatici dovrebbero mirare a dimostrare sul piano pratico, scientifico e statistico, la veridicità, la giustezza e l'inconfutabilità delle nostre tesi, mettendo in evidenza che:

 

- i mattatoi sono veri e propri campi di sterminio in tempi di pace, pertanto debbono essere aboliti perché indegni di un popolo civile;

 

- come dimostrato scientificamente dai criminologi, l'alimentazione carnea incita l'uomo all'aggressività e alla violenza, oltre ad abituarlo a convivere con l'idea dello sfruttamento e dell'uccisione del più debole a vantaggio del più forte ma a danno dell'evoluzione civile, morale e spirituale dell'intero genere umano;

 

- la carne, essendo una sostanza non adatta all'alimentazione umana causa (come dimostrano dati statistici della FAO e dell'OMS e da molti scienziati di chiara fama) moltissime malattie, comprese quelle cardiocircolatorie e tumorali, prima causa di morte nel mondo occidentale;

 

- il modello alimentare improntato sul consumo della carne e derivati animali risulta essere la causa diretta della fame e delle malattie nel 3° Mondo, della distruzione della natura e dell'inquinamento dell'aria, del suolo e delle acque; pertanto chi mangia la carne deve essere consapevole che sta contribuendo ad affamare, se non a far morire per fame, qualcuno nei paesi in via di sviluppo, oltre ad essere responsabile delle altre problematiche enunciate;

 

-il rispetto per ogni essere vivente, la valorizzazione della sacralità della vita, la compassione verso la sofferenza universale, l'astinenza dalla carne, sono le regole imprescindibili indicate dai grandi Iniziati per raggiungere le sfere della spiritualità e quindi l'integrale realizzazione dell'uomo.

 

di Franco Libero Manco - fonte http://www.luigiboschi.it/?q=node/36363


Autore e fonte del contenuto: L'autore e/o la fonte sono riportati nella parte iniziale o finale dell'articolo. Nel caso non risulti specificato nè un autore, nè una fonte, la paternità dell'articolo è da attribuirsi al membro che lo ha pubblicato, il quale ne assume conseguenzialmente anche la sua responsabilità. La relativa fonte e/o autore di ogni contenuto, ove riportati, devono essere sempre specificati in caso di condivisione del contenuto stesso. Per tutti gli altri contenuti quì presenti, pubblicati ma non condivisi o non attinti da fonti esterne a Laverabestia.org valgono le norme di licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0
Gaspare  Inserito da  Gaspare      Categoria  Pensieri e riflessioni       Condividi      
 
      Sostienici con un click - Segui Laverabestia.org su Facebook
 
      Articoli correlati
SONO UN ANIMALE. SONO UNA CREATURA.
Sono un animale, un animale che sa parlare. Qualcuno ha stabilito che io facessi parte della categoria “umano”, ma io preferisco aver...
Un termine tanto sconosciuto chiamato Coerenza
La capacità di essere coerenti tra ciò che affermiamo a parole e il nostro comportamento, più di ogni altra qualità caratterizza la...
Uomo
Uomo tu che sugli altri esseri viventi vanti origini divine, sensibilità d'animo, bagaglio di cognizioni scientifiche, superiorità...
Carnismo, ovvero il nazismo quotidiano
di Francesco Pullia - Ci professiamo tutti democratici, almeno a parole, anche se, più o meno consciamente, continuiamo a tollerare il...
 
   Nessun commento presente
 Vuoi commentare questo articolo?  Registrati ora per avere un account personale o accedi se sei già membro



 
Perchè questa Community | Aiuto | Contatti | Termini d'uso | Banner | Flash Player |  VIDEO |  BLOG | Creazione e Sviluppo by Gaspare Messina