Registrati ora  |  Accedi       
 
Home Video Categorie Membri Blog Immagini Libri FB Board Carica Video
 

Blog HomeLeggi l'articolo
  Menù
    Scrivi articolo
    Archivio generale
    Articoli in evidenza
    Articoli vari
    Commenti
    Link e risorse
  Ultimi articoli
28-08-14 - STORIE DI CONSAPEVOLEZZA
21-08-14 - Evoluzione
08-07-14 - Produzione casearia e cambiamento climatico
26-06-14 - Tutte le scuse portano al macello
29-05-14 - 2014... ...ancora necrofagia
28-05-14 - Esseri senzienti
  Articoli per categoria
Alimentazione e mondo Veg
Ambiente ed ecologia
Animali e religione
Antispecismo e biocentrismo
Appelli e richieste di aiuto
Caccia e pesca
Canili, gattili e randagismo
Circo, corrida e spettacoli
Diritti umani
Eventi, manifestazioni e incontri
Fuori dai luoghi comuni
Iniziative, campagne e proteste
La fabbrica degli animali
Leggi e norme
Liberazione Animale
Libri
Maltrattamenti e crudelta
Notizie ed avvenienti
Pelli e pellicce
Pensieri e riflessioni
Petizioni
Siti, link e risorse utili
Societa e sistema
Specismo e antropocentrismo
Storie e racconti
Trasporto animali
Video, inchieste e reportage
Vivisezione
  Manifesto Antispecista
Manifesto Antispecista
  Articoli per membro» espandi
  Contatore strage
5,468,732  Polli e Galline
269,534  Anatre
148,232  Maiali
102,118  Conigli
82,338  Tacchini
63,511  Oche
61,366  Pecore
41,109  Capre
34,794  Mucche e Vitelli
7,745  Roditori (esclusi i conigli)
7,507  Piccioni e altri uccelli
2,741  Bufali
477  Cavalli
357  Scimmie e asini
238  Cammelli e altri camelidi
 
Questo è il numero di animali uccisi nel mondo dall'industria della carne, del latte e delle uova da quando hai aperto questa pagina. Questo conteggio non include i miliardi di pesci e altri animali marini uccisi annualmente. Numeri basati sulle statistiche pubblicate da "Food and Agriculture Organization - USA".
  Blog Antispecista
Il blog di Laverabestia.org
  Disclaimer
Tutti i contenuti pubblicati dai membri di Laverabestia.org sono soggetti alle regole elencate nei termini d'uso del sito.

La pubblicazione di contenuti inseriti dai membri, con esclusione dei contenuti video, non subisce alcuna forma di moderazione preventiva.

L'amministratore di Laverabestia.org si riserva comunque il diritto di rimuovere articoli o contenuti non ritenuti idonei, non pertinenti alle finalità della video community o in violazione di dei suoi termini d'uso, impegnandosi alla loro valutazione ma senza tuttavia assumersi alcun obbligo di sorveglianza in merito.

Unici responsabili della veridicità e correttezza delle informazioni e dei contenuti pubblicati sono da ritenersi esclusivamente gli autori dei medesimi articoli.

Tutte le informazioni di questo sito vengono diffuse a titolo informativo ed in nessun caso devono o intendono sostituire le indicazioni di professionisti qualificati.

L'amministratore di Laverabestia.org e l'intestatario del relativo dominio, non possono in nessun caso essere ritenuti responsabili dei contenuti pubblicati dai membri della community.

Cerca nel blog  Cerca nel blog        Archivio generale      Feed del blog  Feed del blog        Scrivi articolo


Pubblicato il 09-08-10    Light off
Corrispondenza tra uno scrittore vegano e un giornalista carnivoro

Lettera ad un amico giornalista che mi scrive a seguito del mio articolo: "CARNE? UN ORRORE COME LA SCHIAVITU'". Nel testo -riportato integralmente a fine pagina- commenta: "Ognuno è ciò che mangia ed è libero di divorare quello che vuole, ma personalmente non mi sento un assassino."


Fabio,
vorrei che tu ti concedessi un po' di tempo: diciamo mezz'ora. Se sì, inizia a leggere questa mail in risposta alla tua, altrimenti cestinala. Spero tu voglia trovarlo il tempo.
Mi dispiace constatare che un giornalista così attento non riesca ad andare oltre il proprio piatto... quel piacere che tu decanti è un danno per l'umanità, un orrore etico, un disastro globale. Come fai a non volerli vedere?


Probabilmente non hai letto con attenzione i miei articoli precedenti, così come non sei stato preso dalla voglia di documentarti meglio... e questo è grave, perdonami, da giornalista. Tu sai documentarti se vuoi, c'è un'ampia bibliografia storica e scientifica. E sei anche bravo nel farlo. Prova a immergerti in una ricerca e capire come mai milioni di persone hanno deciso di essere o divenire vegani. Fallo e ti accorgerai, sensibile come credo tu sia, ciò che c'è dietro il tuo prosciutto, la tua bistecca, dietro ogni prodotto di derivazione animale ecc


Essere vegani non è una moda, né uno stile salutistico, è una presa di coscienza di una realtà insostenibile...un vero e proprio olocausto animale!
Per quanto riguarda la storia non è vero quello che tu sostieni. L'uomo è nato frugivoro. Lo dimostrano i suoi organi. Guardati questo breve filmato: (http://www.luigiboschi.it/?q=node/3966)

Tu confondi poi una antica necessità nutrizionale, con l'attuale gola; il sacrificio dell'aia contadina con lo sterminio programmato di oggi...e questo tipo di alimentazione si basa esclusivamente su allevamenti intensivi, dove la dignità di vita degli animali è inesistente e non può essere altrimenti.

 

Non è possibile, come dici tu, sostenere "che ogni animale ha il diritto di vivere dignitosamente" e avere la bistecca nel piatto. Da qui si evince la tua non conoscenza del problema...o la superficialità nell'affrontare questo tema. Ti ripeto documentati prima di lanciarti in queste frasi un po' qualunquiste. Tu sai che le persone possono vivere senza prodotti alimentari di derivazione animale, ma per il piacere della gola, derivante da una sbagliata educazione alimentare, solo per il piacere, acconsentono un disastro etico (perché tali gli allevamenti intensivi e i mattatoi sono), ambientale (disastro idrico, inquinamento falde, gas serra), sociale (fame nel mondo), economico, salutistico. Non so se ti basta. Ti ripeto fai uno sforzo di ricerca e vedrai! Non voglio né convincerti, né che tu mi creda, sarei solo felice che tu ti documentassi. Poi farai quel che credi. Sui pacchetti delle sigarette è ben chiaro cosa comporta il fumo!! Eppure!!


Ti dò un altro video in visione: (http://www.luigiboschi.it/?q=node/3875)

Appunto, come tu dici, ognuno è ciò che mangia!! E in questo dimostra la sua sensibilità verso le cose del mondo! Uccidere non per difesa, per necessità di sopravvivenza, ma per piacere è contro natura, contro la vita stessa!! Ti sei mai chiesto come uomini di grande levatura etica, politica, artistica, letteraria, scientifica (Platone, Pitagora, Ippocrate, Kant, Voltaire, Tolstoj, Gandhi, Leonardo, Einstein, Rousseau, Emile Zola, Coetzee -Premio Nobel 2003-, Terzani, Rifkin, Veronesi, Marchesini, McCartney, ecc) abbiano optato verso questa forma di vita e di consumi? Un breve videoracconto per immagini. http://www.luigiboschi.it/?q=node/4036

 

Sì è vero siamo tutti liberi di mangiare quello che vogliamo nel limite della libertà e del rispetto della vita dell'altro, anche delle forme più deboli.
Certamente oggi l'essere carnivori è indice o di totale menefreghismo o di grande ignoranza.
Non condivido che siamo noi vegani ad escludere, semmai sono i carnivori a non considerare i vegani, che guarda caso sono in aumento in tutto il mondo!! Prova ad andare nelle pasticcerie se puoi trovare un dolce vegano, quindi senza uova, latte, burro? eppure è possibile produrli! Prova a vedere quanti sono i bar che hanno anche il latte di soya da mettere nel caffé o nel cappuccino? Prova a vedere quanti sono i ristoranti e le trattorie che presentano in alternativa un menù vegano? Prova a verificare in quante mense pubbliche (scuole, ospedali, ecc) c'è un menù vegano nutrizionalmente equilibrato? Ancor più triste vedere le mense di carità dove la carne, anziché i legumi, non manca mai!! Ti accorgerai che chi viene escluso siamo noi!! Ma questo personalmente non mi disturba, da tempo non frequento bar, trattorie, ristoranti, certo quando viaggio e sono fuori, qualche problema ce l'ho!! quindi come vedi!! Ma so scegliere!!


E' per questo che ho inviato questa lettera alle Pubbliche Amministrazioni di Parma. (http://www.luigiboschi.it/?q=node/3402)

La carne per tutti è stata una demagogica, populistica stronzata!! Avrebbero fatto meglio a dare il cibo giusto e educarli all'alimentazione anziché affogarli nell'ignoranza dei consumi!!...e alimentare il mercato del farmaco!! Tu sai quanto costa il danno prodotto da questa alimentazione in termini di bilancio sanitario? Tu sai che il 50-60% degli ospedalizzati deriva da una sbagliata alimentazione? Ti rendi conto che uno dei fattori principali del benessere di questo mondo è determinato dalla consapevolezza alimentare e la stragrande maggioranza delle persone vive nell'ignoranza più totale? Una popolazione resa dipendente, con i bambini più obesi d'Europa!!...portati nelle edulcorate fattorie didattiche!!! che camuffano la produzione da lager! Guardati questo film (merita solo se non altro per la qualità grafica!): (http://www.luigiboschi.it/?q=node/3942)

 

Mi fa piacere che tu sia contro la caccia e le pellicce...Vedrai che se ti documenterai saprai riconoscere la validità della cultura vegana. Quello che più urta è che si vive in un circuito sociale opprimente, a senso unico e allora si cerca di banalizzare questa cultura e deridere chi la segue. Quasi come se coloro che più di altri hanno fatto scelte etiche di cui tutta l'umanità ne beneficia fossero contro natura, fossero loro gli strani!! Questo è insopportabile!! Han prodotto delle città drogherie a cielo aperto dove la persona è divenuta un consumatoio da riempire e depredare.

 

E visto che ti piace così tanto la carne, perché non ti uccidi il tuo bel maiale, la tua vacca e non ti guardi questo filmato? (http://www.luigiboschi.it/?q=node/3874)
Ed ora per concludere, le ragioni per essere vegan: (http://www.luigiboschi.it/?q=node/3779)
Dimenticavo prendi il latte a colazione? Stai sul tè: (http://www.luigiboschi.it/?q=node/3391)

 

Grazie per il tempo che avrai voluto dedicare a questa causa. Io ci credo, ne sono convinto, dal 2003 sono vegano, in età...matura per non dire avanzata! quindi con una certa consapevolezza...e mi sono reso conto quasi all'improvviso di quanta e quale ignoranza alimentare, e relative conseguenze, ero custode, frutto di una informazione e formazione inesistente!!
Spero almeno di averti reso più sensibile...e più attento e, perdonami, meno banale su temi che se affrontati con coscienza cambierebbero il mondo e la convivenza tra i popoli. E' difficile incidere, anche con ragioni, nelle credenze popolari, nei costumi acquisiti. Ecco, rendere le persone almeno consapevoli e non così assertive dei loro consumi alimentari carnivori, questo è auspicabile. E un giornalista informato è già un buon punto di partenza.

Un caro saluto
 

Luigi Boschi

P.S.: La mia e-mail la puoi diramare, anzi, che non rimanga tra noi!!



 

Questa la lettera mail integrale ricevuta


Caro Luigi, so che ti farò orrore, ma sono un gran mangiatore di carne.
Mi piacciono le fiorentine, le costate e le bistecche di tutti i tipi (pollo, maiale, vitello, etc.). E naturalmente anche il prosciutto e tutti i salumi in genere.
L'uomo alleva animali... per mangiarseli.
Lo ha sempre fatto (i primi probabilmente se li è dovuti cacciare) e lo farà sempre.
Naturalmente rispetto chi la pensa diversamente da me, anche se non mi pare che animalisti, vegetariani e vegani facciano la stessa cosa con noi "onnivori".
Ognuno è ciò che mangia ed è libero di divorare quello che vuole, ma personalmente non mi sento un assassino.
Detto questo, sono altresì convinto che ogni animale abbia il diritto di vivere dignitosamente, non importa se destinati o meno ad essere macellati.
E sono anche contro la caccia, perché ritengo che sparare una sventagliata di pallini per ammazzare una papera sia molto facile. Dimenticavo: non mi piacciono nemmeno le pellicce...Ma per favore, non sparate sulla bistecca!!!

Con affetto
Fabio



 

fonte http://www.luigiboschi.it/?q=node/4508


Autore e fonte del contenuto: L'autore e/o la fonte sono riportati nella parte iniziale o finale dell'articolo. Nel caso non risulti specificato nè un autore, nè una fonte, la paternità dell'articolo è da attribuirsi al membro che lo ha pubblicato, il quale ne assume conseguenzialmente anche la sua responsabilità. La relativa fonte e/o autore di ogni contenuto, ove riportati, devono essere sempre specificati in caso di condivisione del contenuto stesso. Per tutti gli altri contenuti quì presenti, pubblicati ma non condivisi o non attinti da fonti esterne a Laverabestia.org valgono le norme di licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0
Gaspare  Inserito da  Gaspare      Categoria  Pensieri e riflessioni       Condividi      
 
      Articoli correlati
Con la morte nel cuore
Ciao Asietta,è scrivendoti che il dolore sembra attenuarsi, alleggerendo quel senso di vuoto che incombe violentocome un fiume in pien...
La questione animale in Italia
In Italia ci sono circa settanta tra associazioni, coordinamenti e movimenti a favore della protezione animale cui si aggiungono siti ...
L'uomo è cacciatore?
La riapertura della stagione venatoria in Italia porta molti incidenti e aspre polemiche. A ragione, molti non riescono a comprendere ...
dal mio libro Simbiosi Cosmica.....
Prima di “una volta” Accadde che il popolo degli antichi si era evoluto a dismisura relativamente ad una dimensione temporale e la su...
 
   1 commento inserito
lauretta76
quanta superficialità nelle parole di fabio....parole che ho sentito centinaia di volte e che ogni volta mi provocano rabbia e tristezza,no alle pellicce ma ben venga una bella bisteccona..ma che differenza c'è?sarebbe come dire"non torturo e non ammazzo individui maschi dai tre ai sedici anni,ma solo individui femmine dai sedici ai 24....."Gli animali sono tutti uguali,e non si può pensare che sia giusto far ammazzare alcuni di loro e dichiararsi contrari all'uccisione di altri.
 Vuoi commentare questo articolo?  Registrati ora per avere un account personale o accedi se sei già membro



 
Perchè questa Community | Aiuto | Contatti | Termini d'uso | Banner | Flash Player |  VIDEO |  BLOG | Creazione e Sviluppo by Gaspare Messina