Registrati ora  |  Accedi       
 
  Home    Video   Categorie   Membri   Blog   Immagini   Citazioni   Libri   Carica
 

Blog HomeLeggi l'articolo
  Menù
    Scrivi articolo
    Archivio generale
    Articoli in evidenza
    Articoli vari
    Commenti
    Link e risorse
  Ultimi articoli
20-05-18 - Articolo 53
28-02-18 - I limiti del "benessere animale" sono i limiti della nostra mente
30-11-17 - Il Cancro del Pianeta
24-09-17 - Giornata mondiale per la fine dello specismo – discorso di Marco Maurizi
17-11-16 - Il mattatoio: lasciate ogni speranza, o voi che entrate.
17-09-16 - No, io non sono umano
  Sostieni Laverabestia.org
Sostienici con un click
Seguici su Facebook!
  Articoli per categoria
Alimentazione e mondo Veg
Ambiente ed ecologia
Animali e religione
Antispecismo e biocentrismo
Appelli e richieste di aiuto
Caccia e pesca
Canili, gattili e randagismo
Circo, corrida e spettacoli
Diritti umani
Eventi, manifestazioni e incontri
Fuori dai luoghi comuni
Iniziative, campagne e proteste
La fabbrica degli animali
Leggi e norme
Liberazione Animale
Libri
Maltrattamenti e crudelta
Notizie ed avvenienti
Pelli e pellicce
Pensieri e riflessioni
Petizioni
Siti, link e risorse utili
Societa e sistema
Specismo e antropocentrismo
Storie e racconti
Trasporto animali
Video, inchieste e reportage
Vivisezione
  Rete dei Santuari in Italia
Rete dei Santuari di Animali Liberi in Italia
  Articoli per membro» espandi
  Contatore strage
5,468,732  Polli e Galline
269,534  Anatre
148,232  Maiali
102,118  Conigli
82,338  Tacchini
63,511  Oche
61,366  Pecore
41,109  Capre
34,794  Mucche e Vitelli
7,745  Roditori (esclusi i conigli)
7,507  Piccioni e altri uccelli
2,741  Bufali
477  Cavalli
357  Scimmie e asini
238  Cammelli e altri camelidi
 
Questo è il numero di animali uccisi nel mondo dall'industria della carne, del latte e delle uova da quando hai aperto questa pagina. Questo conteggio non include i miliardi di pesci e altri animali marini uccisi annualmente. Numeri basati sulle statistiche pubblicate da "Food and Agriculture Organization - USA".
  Blog Antispecista
Il blog di Laverabestia.org
  Earthlings - Il Documentario
Earthlings - Il Documentario
  Disclaimer
Tutti i contenuti pubblicati dai membri di Laverabestia.org sono soggetti alle regole elencate nei termini d'uso del sito.

La pubblicazione di contenuti inseriti dai membri, con esclusione dei contenuti video, non subisce alcuna forma di moderazione preventiva.

L'amministratore di Laverabestia.org si riserva comunque il diritto di rimuovere articoli o contenuti non ritenuti idonei, non pertinenti alle finalità della video community o in violazione di dei suoi termini d'uso, impegnandosi alla loro valutazione ma senza tuttavia assumersi alcun obbligo di sorveglianza in merito.

Unici responsabili della veridicità e correttezza delle informazioni e dei contenuti pubblicati sono da ritenersi esclusivamente gli autori dei medesimi articoli.

Tutte le informazioni di questo sito vengono diffuse a titolo informativo ed in nessun caso devono o intendono sostituire le indicazioni di professionisti qualificati.

L'amministratore di Laverabestia.org e l'intestatario del relativo dominio, non possono in nessun caso essere ritenuti responsabili dei contenuti pubblicati dai membri della community.

Cerca nel blog  Cerca nel blog        Archivio generale      Feed del blog  Feed del blog        Scrivi articolo


Pubblicato il 28-02-18 Light off
I limiti del "benessere animale" sono i limiti della nostra mente


La maggior parte delle persone si dichiara contraria alla violenza sugli animali. È pronta a inveire contro qualsiasi tipo di maltrattamento su cani e gatti. Però giustifica quanto avviene dentro allevamenti e mattatoi poiché non è abituata a considerare maiali, mucche, polli, galline, vitelli, pesci alla stressa stregua degli animali cosiddetti domestici.


Riconosce che soffrano e che abbiano un certo grado di senzienza al punto tale da condannare gli abusi, i maltrattamenti aggiuntivi e le condizioni in cui vengono allevati, ma non al punto da mettere in discussione il concetto di farli nascere appositamente e allevarli per trasformarli in prodotti.


Quindi, quando le si mostra un video o un'immagine o le si descrive una pratica, anziché dire "io non voglio esser complice di questo orrore", risponde che dovrebbero migliorare le condizioni degli allevamenti.


Che è un po' come se io vedessi un cane che sta per essere fatto a pezzi e senza fare nulla di concreto per fermare il suo assassino dicessi: "beh, ci vorrebbe proprio qualche legge per fare in modo che venisse fatto a pezzi in modi meno brutali".

La realtà degli allevamenti e dei mattatoi è quella mostrata nei tanti video di denuncia. Non è una realtà che può migliorare perché: uno, non sarebbe conveniente per il profitto; due, mercificare gli animali è la negazione più grande che si possa fare della loro individualità.


O li si considera individui - e non è così nell'industria della carne, latte, uova, pesce perché sono solo risorse rinnovabili, considerati in virtù di una funziona specifica ("dare" carne, latte, uova ecc..) - o li si percepisce già come prodotti o macchine produttrici di qualcosa.


Nell'affermazione "dovrebbero esser trattati meglio" c'è una dissonanza cognitiva forte perché se si ammette che dovrebbero esser trattati meglio, allora significa che, seppur in una certa misura, si riconosce loro la capacità di sentire, soffrire, ecc., e però al tempo stesso si nega questa informazione per continuare a giustificarne la pratica di ucciderli e usarli nei modo più svariati.

Quindi, quando si dice di voler migliorare le condizioni degli animali negli allevamenti, intanto, continuando a comprarli una volta trasformati in prodotti, si sta dando appoggio esattamente a quella stessa realtà che ha provocato indignazione, secondo poi si sta confermando e rafforzando l'idea che mucche, polli, maiali, vitelli, pesci non siano singoli individui, non siano nemmeno esseri viventi, ma semplicemente risorse rinnovabili, merci, cose, oggetti.

E questo non è vero. Non sono oggetti, non sono macchine, non sono automi, sono individui intelligenti capaci di stringere relazioni, di vivere un'esistenza autonoma, cioè indipendentemente da noi (che non siamo il centro dell'universo, misura e motore di tutte le cose) e non esistono per soddisfare i nostri capricci, il nostro palato, men che meno per darci profitto economico.

Bisogna sforzarsi di studiare CHI sono gli altri animali, se proprio non si vuole o non si ha la possibilità di osservarli dal vivo. E si scoprirà che quelle che la maggior parte delle persone pensa esser esistenze limitate, in realtà sono mondi che esistono al di là dei confini della percezione della loro mente.

I limiti del "benessere animale" sono i limiti della nostra mente.



di Rita Ciatti | Immagine: Tras Los Muros


Autore e fonte del contenuto: L'autore e/o la fonte sono riportati nella parte iniziale o finale dell'articolo. Nel caso non risulti specificato nè un autore, nè una fonte, la paternità dell'articolo è da attribuirsi al membro che lo ha pubblicato, il quale ne assume conseguenzialmente anche la sua responsabilità. La relativa fonte e/o autore di ogni contenuto, ove riportati, devono essere sempre specificati in caso di condivisione del contenuto stesso. Per tutti gli altri contenuti quì presenti, pubblicati ma non condivisi o non attinti da fonti esterne a Laverabestia.org valgono le norme di licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0
Gaspare  Inserito da  Gaspare      Categoria  Antispecismo e biocentrismo       Condividi      
 
      Sostienici con un click - Segui Laverabestia.org su Facebook
 
      Articoli correlati
Mattatoi: campi di sterminio
  Sconcerta la capacità dell'uomo di abituarsi a convivere con le realtà più aberranti, a considerare con indifferenza anche i deli...
Protezionismo: un'analisi critica - parte I: Introduzione
Introduzione al protezionismo: visione, storia e risultati Il concetto di benessere animale - un concetto relativamente recente nel...
La splendita utopia di un mondo Vegan
      Molte volte i giovani che vivono in famiglia sono ostacolati dai genitori, parenti o anche amici, nella loro scelta vegetaria...
La lontananza uccide? Diritti animali e compassione
La trattazione dell'argomento a cura di Filippo Trasatti (pubblicata “a puntate” anche sulla Veganzetta cartacea) la si può leggere c...
 
   Nessun commento presente
 Vuoi commentare questo articolo?  Registrati ora per avere un account personale o accedi se sei già membro



 
Perchè questa Community | Aiuto | Contatti | Termini d'uso | Banner | Flash Player |  VIDEO |  BLOG | Creazione e Sviluppo by Gaspare Messina