Registrati ora  |  Accedi       
 
  Home    Video   Categorie   Membri   Blog   Immagini   Citazioni   Libri   Carica
 

Blog HomeLeggi l'articolo
  Menù
    Scrivi articolo
    Archivio generale
    Articoli in evidenza
    Articoli vari
    Commenti
    Link e risorse
  Ultimi articoli
30-11-17 - Il Cancro del Pianeta
24-09-17 - Giornata mondiale per la fine dello specismo – discorso di Marco Maurizi
17-11-16 - Il mattatoio: lasciate ogni speranza, o voi che entrate.
17-09-16 - No, io non sono umano
17-09-16 - Il sistema reagisce. E noi gli diamo una mano
20-08-16 - L'uomo, ovvero la preda armata
  Sostieni Laverabestia.org
Sostienici con un click
Seguici su Facebook!
  Articoli per categoria
Alimentazione e mondo Veg
Ambiente ed ecologia
Animali e religione
Antispecismo e biocentrismo
Appelli e richieste di aiuto
Caccia e pesca
Canili, gattili e randagismo
Circo, corrida e spettacoli
Diritti umani
Eventi, manifestazioni e incontri
Fuori dai luoghi comuni
Iniziative, campagne e proteste
La fabbrica degli animali
Leggi e norme
Liberazione Animale
Libri
Maltrattamenti e crudelta
Notizie ed avvenienti
Pelli e pellicce
Pensieri e riflessioni
Petizioni
Siti, link e risorse utili
Societa e sistema
Specismo e antropocentrismo
Storie e racconti
Trasporto animali
Video, inchieste e reportage
Vivisezione
  Rete dei Santuari in Italia
Rete dei Santuari di Animali Liberi in Italia
  Articoli per membro» espandi
  Contatore strage
5,468,732  Polli e Galline
269,534  Anatre
148,232  Maiali
102,118  Conigli
82,338  Tacchini
63,511  Oche
61,366  Pecore
41,109  Capre
34,794  Mucche e Vitelli
7,745  Roditori (esclusi i conigli)
7,507  Piccioni e altri uccelli
2,741  Bufali
477  Cavalli
357  Scimmie e asini
238  Cammelli e altri camelidi
 
Questo è il numero di animali uccisi nel mondo dall'industria della carne, del latte e delle uova da quando hai aperto questa pagina. Questo conteggio non include i miliardi di pesci e altri animali marini uccisi annualmente. Numeri basati sulle statistiche pubblicate da "Food and Agriculture Organization - USA".
  Blog Antispecista
Il blog di Laverabestia.org
  Earthlings - Il Documentario
Earthlings - Il Documentario
  Disclaimer
Tutti i contenuti pubblicati dai membri di Laverabestia.org sono soggetti alle regole elencate nei termini d'uso del sito.

La pubblicazione di contenuti inseriti dai membri, con esclusione dei contenuti video, non subisce alcuna forma di moderazione preventiva.

L'amministratore di Laverabestia.org si riserva comunque il diritto di rimuovere articoli o contenuti non ritenuti idonei, non pertinenti alle finalità della video community o in violazione di dei suoi termini d'uso, impegnandosi alla loro valutazione ma senza tuttavia assumersi alcun obbligo di sorveglianza in merito.

Unici responsabili della veridicità e correttezza delle informazioni e dei contenuti pubblicati sono da ritenersi esclusivamente gli autori dei medesimi articoli.

Tutte le informazioni di questo sito vengono diffuse a titolo informativo ed in nessun caso devono o intendono sostituire le indicazioni di professionisti qualificati.

L'amministratore di Laverabestia.org e l'intestatario del relativo dominio, non possono in nessun caso essere ritenuti responsabili dei contenuti pubblicati dai membri della community.

Cerca nel blog  Cerca nel blog        Archivio generale      Feed del blog  Feed del blog        Scrivi articolo


Pubblicato il 24-09-17 Light off
Giornata mondiale per la fine dello specismo – discorso di Marco Maurizi

Perché siamo qui? Perché siamo venuti a portare in piazza delle azioni e dei gesti, delle parole e delle immagini che magari non vi aspettavate? Perché qui cerchiamo di farvi immaginare qualcosa, farvi immaginare ciò che non si lascia altrimenti immaginare.


Cerchiamo di farvi immaginare due cose tra loro legate, anche se opposte: la realtà occulta e la possibilità negata. Cerchiamo di farvi immaginare il presente e il futuro, ciò che è, a rigor di termini, inimmaginabile.


Perché contraddice la legge non scritta che regola le vite di tutti noi, umani e non-umani. Da un lato, l'inimmaginabile dolore, la morte programmata su scala industriale, la segregazione, la solitudine, l'abiezione calcolata delle miliardi di vite animali spente per il profitto di pochi.


Dall'altro, l'inimmaginabile futuro, il possibile, la vita condivisa senza oppressione e sfruttamento, l'umano che si apre alla solidarietà verso l'altro in ogni sua forma, la sfida di una diversità senza confini. Sono i limiti del nostro mondo, ecco perché ci riesce così difficile vederli e ancora di più attraversarli, anche solo col pensiero. Un mondo che è fondato sul controllo e sullo sfruttamento della vita in ogni sua forma, umani compresi.


Come sarebbe un mondo senza lo sfruttamento? un mondo governato non dalla logica identitaria del dominio e del controllo totalitario ma dall'umile e precario esercizio di una differenza che si fonda sulla comune appartenenza alla mortalità? La civiltà è un immenso altare di cemento e metallo che vorrebbe sfidare l'eterno perché ha terrore del fatto che la vita è l'esperienza mortale del corpo animale. Preferiamo programmare l'immateriale realtà virtuale che ci dà la certezza di un risultato garantito. Ma la dimensione del corpo è la sola dimensione in cui l'umano rischia e si avventura verso l'incerto, l'imprevisto, l'assurdo. L'assurdo della morte, ma anche dell'amore.


Ogni gesto d'amore è un gesto al di fuori della legge del controllo e del potere. Ed è un gesto che guarda lontano, al momento in cui non si potrà più amare. L'amore consola dall'inconsolabile solitudine della morte. Ogni carezza è un gesto di rassicurazione: “sono ancora qui, sei ancora qui”. Vogliamo immaginare un mondo diverso, ma per farlo dobbiamo riappropriarci della nostra umanità, cioè della nostra animalità, del corpo che vive, che soffre, che ama, che muore. E sono le vite di questi animali che muoiono a chiederci: cos'è una vita che sia degna di essere vissuta? Spingere l'immaginazione oltre questo orrore, verso una vita condivisa al di là di ogni barriera, ogni pretesa di dominio e ogni profitto, risuona per noi come un'esigenza, una spinta all'elevazione oltre le cose che occludono l'orizzonte e ci impediscono di vedere.


Ciò che siamo veramente si trova oltre questo presente che ci consegna alla solitudine globale degli umiliati e offesi, al potere della ripetizione e alla ripetizione del potere: esso allude silenziosamente a ciò che possiamo costruire insieme, fuori dall'isolamento chiassoso e dalla miseria individuale delle società massificate. Una vita che vive e non rincorre la propria data di scadenza sul nastro trasportatore della produzione di ricchezza inegualmente distribuita.


Un'etica che cerca fuori di sè, nell'altro, il proprio centro, sia esso il migrante, la donna stuprata, o l'animale macellato. Una politica che vada oltre la nozione classica di politica come affare delle classi dirigenti di una società umana, troppo umana. La democrazia, se non ha alla sua radice una pratica radicale di uguaglianza, non può che terminare nella truffa organizzata che è oggi sotto gli occhi di tutti.


È tempo di invocare una politica che rispetti una volontà generale allargata, perché il sistema del mondo è fatto non di individui, ma di società umane e non-umane intrecciate tra di loro, il cui destino non può essere lasciato al cieco interesse delle cricche dominanti. Non ci sarà mai una democrazia degna di questo nome se le classi subalterne non faranno propria l'esigenza di riscatto e di liberazione delle specie subalterne.


Rousseau diceva: “l'uomo nasce libero, ma ovunque egli è in catene”. Bene, noi diciamo: “l'animale nasce in catene, ma ovunque deve essere libero”. Ebbene cos'è la libertà? La libertà non è il sopruso, la pretesa di fare ciò che si vuole: questo è l'esatta antitesi della libertà. Non c'è libertà nell'esercitare l'oppressione, nel programmare e infliggere la morte: c'è solo arbitrio. La libertà è il confine sfuggente del desiderio, è ciò che si accende nell'essere attraversato dall'alterità, dal non-mio, da ciò che non controllo. È l'abbandono della pretesa di dominio, la dinamite dell'inconscio che fa saltare la fortezza dell'ego, il luogo in cui dalla frattura dell'Io appare, salvifico, l'Altro. Lacan diceva che occorre essere all'altezza del proprio desiderio. Devo chiedermi “cosa desidero?”, “chi voglio essere?”. Gli animali torturati, in catene, sgozzati, separati dalle madri, scuoiati, soffocati, maciullati… stanno lì a chiederci chi vogliamo essere.


Se non scegliamo chi vogliamo essere, se non impariamo a desiderare di essere, sarà qualcuno a scegliere per noi e farà in modo che anche noi, come gli animali, saremo sempre delle cose. Ridurre gli animali a cose significa ridurci o lasciarci ridurre a cose. Diventiamo parte del “sistema degli oggetti” in cui gli animali appaiono sempre come merci. Anche noi siamo merci, solo ad un grado inferiore. Il nostro sfruttamento rinforza il loro sfruttamento. La nostra schiavitù, la loro.


Occorre spezzare in qualche punto questo circolo vizioso, questo sistema impazzito che sempre più sfugge al nostro controllo e decide per noi. Rubandoci anche ciò che abbiamo di più intimo, il desiderio, per rivolgerlo verso le merci, trasformandolo in un mero bisogno di cose, di “beni”, come li chiamano. Ma il Bene è ciò che per definizione non si lascia ridurre ad un oggetto: è ciò verso cui il desiderio si muove alla ricerca della libertà. Per noi e per l'altro, umano e non-umano.


L'animale che muore, il suo agitarsi convulso e impotente, il suo urlo disperato, è l'appello che esso muove al nostro desiderio. E se di fronte a quelle immagini di sofferenza, nei laboratori di vivisezione o negli allevamenti intensivi, noi volgiamo lo sguardo oltre, è perché l'animale ci sta in realtà chiedendo di guardarci dentro: “chi sei?”, “chi vuoi essere?”, “che ne è della tua libertà?”.



Non riusciamo a sostenere quello sguardo perché non riusciamo a sostenere il nostro.

Perché ci sta dicendo che abbiamo rinunciato a immaginare e desiderare un mondo diverso. Che non siamo all'altezza del nostro desiderio, che abbiamo rinunciato a sperare e praticare il difficile rapporto con l'altro e lasciamo che il sistema delle merci decida comodamente per noi.


Non accettiamo di rischiare una libertà che ci costringe ad accettare che non siamo dei: siamo animali, mortali, sofferenti. E solo nel riconoscimento di questa comune animalità possiamo guadagnare un senso di umanità che non sia sinonimo di prevaricazione.


Ogni volta che la vita e la libertà dell'animale è soppressa, è una sentenza di condanna emessa contro la nostra stessa libertà. Ogni vita che si spegne è uno sguardo sul mondo che si chiude: è la fine di un mondo, come diceva Derrida. Ecco perché ogni singola vita animale che viene salvata preannuncia l'alba di un mondo più giusto. Nell'occhio dell'animale che si apre sul mondo perché lo abbiamo sottratto alla morte è nascosta una possibilità di salvezza universale. Per vederla dobbiamo solo aprire i nostri occhi o, che è lo stesso, chiuderli per immaginare un futuro che non abbia i contorni del mondo di merci che affolla e soffoca il nostro presente.


di Marco Maurizi - fonte https://marcomaurizi74.wordpress.com/


Autore e fonte del contenuto: L'autore e/o la fonte sono riportati nella parte iniziale o finale dell'articolo. Nel caso non risulti specificato nè un autore, nè una fonte, la paternità dell'articolo è da attribuirsi al membro che lo ha pubblicato, il quale ne assume conseguenzialmente anche la sua responsabilità. La relativa fonte e/o autore di ogni contenuto, ove riportati, devono essere sempre specificati in caso di condivisione del contenuto stesso. Per tutti gli altri contenuti quì presenti, pubblicati ma non condivisi o non attinti da fonti esterne a Laverabestia.org valgono le norme di licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0
Gaspare  Inserito da  Gaspare      Categoria  Antispecismo e biocentrismo       Condividi      
 
      Sostienici con un click - Segui Laverabestia.org su Facebook
 
      Articoli correlati
Campagna "Sono degno: sostieni l'allevamento rispettoso". Tra Protezionismo e Abolizionismo
  Su Facebook sta girando la campagna “Sonodegno” di Compassion in World Farming Italia (un'organizzazione internazionale che lavor...
Risvegliare le coscienze
Alcuni che dimostrano eccessiva sensibilità verso il predatore, non verso la preda, asseriscono che ognuno deve essere libero di d...
La rivoluzione non è un pranzo di carne
Diritti umani e diritto (alla vita) degli animali possono essere disgiunti? L'amore per gli animali al tempo della peste (aviaria)...
Le insidie dello "specismo speculare"
L'occuparsi di diritti degli Animali, trascendere (non dandole per assodate, ma ignorandole) tutte le problematiche legate alla socie...
 
   Nessun commento presente
 Vuoi commentare questo articolo?  Registrati ora per avere un account personale o accedi se sei già membro



 
Perchè questa Community | Aiuto | Contatti | Termini d'uso | Banner | Flash Player |  VIDEO |  BLOG | Creazione e Sviluppo by Gaspare Messina