Registrati ora  |  Accedi       
 
  Home    Video   Categorie   Membri   Blog   Immagini   Citazioni   Libri   Stream   Carica
 

Blog HomeLeggi l'articolo
  Menù
    Scrivi articolo
    Archivio generale
    Articoli in evidenza
    Articoli vari
    Commenti
    Link e risorse
  Ultimi articoli
17-11-16 - Il mattatoio: lasciate ogni speranza, o voi che entrate.
17-09-16 - No, io non sono umano
17-09-16 - Il sistema reagisce. E noi gli diamo una mano
20-08-16 - L'uomo, ovvero la preda armata
27-07-16 - Un passo avanti e due indietro...
20-07-16 - Linguaggio e Animali: Animale sarai tu
  Sostieni Laverabestia.org
Sostienici con un click
Seguici su Facebook!
  Articoli per categoria
Alimentazione e mondo Veg
Ambiente ed ecologia
Animali e religione
Antispecismo e biocentrismo
Appelli e richieste di aiuto
Caccia e pesca
Canili, gattili e randagismo
Circo, corrida e spettacoli
Diritti umani
Eventi, manifestazioni e incontri
Fuori dai luoghi comuni
Iniziative, campagne e proteste
La fabbrica degli animali
Leggi e norme
Liberazione Animale
Libri
Maltrattamenti e crudelta
Notizie ed avvenienti
Pelli e pellicce
Pensieri e riflessioni
Petizioni
Siti, link e risorse utili
Societa e sistema
Specismo e antropocentrismo
Storie e racconti
Trasporto animali
Video, inchieste e reportage
Vivisezione
  Rete dei Santuari in Italia
Rete dei Santuari di Animali Liberi in Italia
  Articoli per membro» espandi
  Contatore strage
5,468,732  Polli e Galline
269,534  Anatre
148,232  Maiali
102,118  Conigli
82,338  Tacchini
63,511  Oche
61,366  Pecore
41,109  Capre
34,794  Mucche e Vitelli
7,745  Roditori (esclusi i conigli)
7,507  Piccioni e altri uccelli
2,741  Bufali
477  Cavalli
357  Scimmie e asini
238  Cammelli e altri camelidi
 
Questo è il numero di animali uccisi nel mondo dall'industria della carne, del latte e delle uova da quando hai aperto questa pagina. Questo conteggio non include i miliardi di pesci e altri animali marini uccisi annualmente. Numeri basati sulle statistiche pubblicate da "Food and Agriculture Organization - USA".
  Blog Antispecista
Il blog di Laverabestia.org
  Earthlings - Il Documentario
Earthlings - Il Documentario
  Disclaimer
Tutti i contenuti pubblicati dai membri di Laverabestia.org sono soggetti alle regole elencate nei termini d'uso del sito.

La pubblicazione di contenuti inseriti dai membri, con esclusione dei contenuti video, non subisce alcuna forma di moderazione preventiva.

L'amministratore di Laverabestia.org si riserva comunque il diritto di rimuovere articoli o contenuti non ritenuti idonei, non pertinenti alle finalità della video community o in violazione di dei suoi termini d'uso, impegnandosi alla loro valutazione ma senza tuttavia assumersi alcun obbligo di sorveglianza in merito.

Unici responsabili della veridicità e correttezza delle informazioni e dei contenuti pubblicati sono da ritenersi esclusivamente gli autori dei medesimi articoli.

Tutte le informazioni di questo sito vengono diffuse a titolo informativo ed in nessun caso devono o intendono sostituire le indicazioni di professionisti qualificati.

L'amministratore di Laverabestia.org e l'intestatario del relativo dominio, non possono in nessun caso essere ritenuti responsabili dei contenuti pubblicati dai membri della community.

Cerca nel blog  Cerca nel blog        Archivio generale      Feed del blog  Feed del blog        Scrivi articolo


Pubblicato il 17-11-16 Light off
Il mattatoio: lasciate ogni speranza, o voi che entrate.

Quella che segue è la testimonianza di Angelo Badas, un ex macellaio, ora vegano,

raccolta di recente da Eloise Cotronei e pubblicata sulla pagina facebook di NOmattatoio.

 

 

"Arrivavo all'alba, accompagnato da mio padre: ricordo i rumori assordanti, il fetore, le urla, i lamenti, l'incapacità di poter trovare un riparo, anche solo per un momento, per distaccarmi da quello che vedevo accadere davanti ai miei occhi.

Figlio di un macellaio, avevo 8 anni quando entrai per la prima volta in un mattatoio.
Di questo luogo rimane impresso nella mia mente il protrarsi della violenza senza limite inflitta con qualsiasi mezzo a delle creature terrorizzate.

Ho visto maiali arrivare sfiniti dopo viaggi estenuanti sui camion, immersi nei loro escrementi, e ricoperti di piaghe infette e pus in tante parti del corpo.

Gli animali venivano scaricati in piccoli box prima di essere letteralmente afferrati e spinti con qualsiasi mezzo e oggetto contundente per procedere alla macellazione. I maiali, già visibilmente stremati e nervosi, avvertendo l'odore nauseante del sangue misto a feci, si mordevano tra di loro e, sempre nei box di attesa, venivano afferrati violentemente dagli operatori con un attrezzo chiamato "torcinaso" che, a forma di cappio, stringe la circonferenza del naso del povero maiale a tal punto da far scoppiare le cartilagini. 

I maiali e tutti gli altri animali venivano trascinati in qualsiasi modo, l'importante per i macellai era arrivare alla fase successiva: l'uccisione e lo squartamento.

Ho visto scrofe gravide che venivano letteralmente squarciate nella pancia con i feti che fuoriuscivano immersi nel liquido amniotico, budella e sangue, contorcersi e soffocare nel loro sangue appese a una zampa.

Se un animale presentava una frattura, la preoccupazione per i macellai era l'impossibilità di vendita di quel "pezzo" "difettoso".

L'interno di un mattatoio è scioccante dall'inizio alla fine, gli animali vedono i loro compagni che vengono massacrati. 

Non scorderò mai le urla strazianti quando venivano sventrati, ricordo il rumore degli intestini che precipitavano fuori dal corpo mentre gli animali si dimenavano appesi a testa in giù.
Non ho visto niente di più atroce e terribile in vita mia! 

Ora che sono diventato vegano e attivista, non passa un giorno e una notte in cui non si presenti il ricordo vivido di quegli anni.

Ho visto mucche gravide che subivano la stessa atroce sorte delle scrofe: ancora coscienti, appese da una zampa, venivano sventrate e dopo la fuoriuscita del piccolo vitellino già formato, ho assistito alla brutale pratica di squartamento del piccolo mentre il cuore ancora batteva.

Al mattatoio di Quartu Sant'Elena (CA) i maiali venivano presi a sprangate in testa, sul muso; ho visto l'accanimento di operai su quelle povere creature, fino a che non fossero riusciti a spaccare il cranio dalla botte inflitte, ho visto fuori uscire il cervello da animali con la testa fracassata.

Ho visto persone scaricare ogni tipo di violenza sugli animali che dovevano essere uccisi.
L'elemento più importante era la velocità, la considerazione degli animali non esiste, non esiste nessun tipo di limite alla violenza.

Gli agnelli venivano legati dalle zampe e su un tavolo venivano sgozzati uno dopo l'altro.
Mio padre, quando avevo 12 anni, ha sgozzato un agnellino davanti a me e ancora rivivo quello schock.

Mi sono opposto a tutto questo e spero che questa mia testimonianza possa essere d'aiuto per diffondere la verità.

Abito ancora vicino al mattatoio e ogni volta che vedo passare i camion di animali, mi domando come abbia potuto non comprendere prima che tutto questo debba essere fermato.
Ora questa è la mia missione: far sapere cosa si nasconde all'interno di questi luoghi e combattere lo sfruttamento animale, è una questione di giustizia."

Grazie ad Angelo Badas per averci rilasciato questa importante testimonianza.

Alla fine dell'intervista, Angelo ha voluto concludere dicendo: "Non mi devi ringraziare, questa è la mia causa, è la nostra causa, tutto questo lo faccio per loro, per gli animali".

Autore e fonte del contenuto: L'autore e/o la fonte sono riportati nella parte iniziale o finale dell'articolo. Nel caso non risulti specificato nè un autore, nè una fonte, la paternità dell'articolo è da attribuirsi al membro che lo ha pubblicato, il quale ne assume conseguenzialmente anche la sua responsabilità. La relativa fonte e/o autore di ogni contenuto, ove riportati, devono essere sempre specificati in caso di condivisione del contenuto stesso. Per tutti gli altri contenuti quì presenti, pubblicati ma non condivisi o non attinti da fonti esterne a Laverabestia.org valgono le norme di licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0
Gaspare  Inserito da  Gaspare      Categoria  La fabbrica degli animali       Condividi      
 
      Sostienici con un click - Segui Laverabestia.org su Facebook
 
      Articoli correlati
L'impronta dei bovini
24 miliardi di animali occupano il pianeta. Se volessimo garantir loro una vita dignitosa, sulla Terra non ci sarebbe spazio sufficien...
Benessere e salute animale
"Ogni animale è un essere sensibile nei confronti del quale l'uomo ha degli obblighi." La preoccupazione principale dei consumatori...
Gli ormoni nella carne
  L' esposizione eccessiva agli ormoni ha potenziali conseguenze avverse per la salute umana, in particolare per le alterazioni ch...
Quando ragionare col “cervello di gallina” ci aiuta a capire
Allevare galline in batteria è criticabile per come gli animali vivono la loro (breve) esistenza. Stanno in strutture metalliche dal...
 
   Nessun commento presente
 Vuoi commentare questo articolo?  Registrati ora per avere un account personale o accedi se sei già membro



 
Perchè questa Community | Aiuto | Contatti | Termini d'uso | Banner | Flash Player |  VIDEO |  BLOG | Creazione e Sviluppo by Gaspare Messina