Registrati ora  |  Accedi       
 
  Home    Video   Categorie   Membri   Blog   Immagini   Citazioni   Libri   Stream   Carica
 

Blog HomeLeggi l'articolo
  Menù
    Scrivi articolo
    Archivio generale
    Articoli in evidenza
    Articoli vari
    Commenti
    Link e risorse
  Ultimi articoli
17-11-16 - Il mattatoio: lasciate ogni speranza, o voi che entrate.
17-09-16 - No, io non sono umano
17-09-16 - Il sistema reagisce. E noi gli diamo una mano
20-08-16 - L'uomo, ovvero la preda armata
27-07-16 - Un passo avanti e due indietro...
20-07-16 - Linguaggio e Animali: Animale sarai tu
  Sostieni Laverabestia.org
Sostienici con un click
Seguici su Facebook!
  Articoli per categoria
Alimentazione e mondo Veg
Ambiente ed ecologia
Animali e religione
Antispecismo e biocentrismo
Appelli e richieste di aiuto
Caccia e pesca
Canili, gattili e randagismo
Circo, corrida e spettacoli
Diritti umani
Eventi, manifestazioni e incontri
Fuori dai luoghi comuni
Iniziative, campagne e proteste
La fabbrica degli animali
Leggi e norme
Liberazione Animale
Libri
Maltrattamenti e crudelta
Notizie ed avvenienti
Pelli e pellicce
Pensieri e riflessioni
Petizioni
Siti, link e risorse utili
Societa e sistema
Specismo e antropocentrismo
Storie e racconti
Trasporto animali
Video, inchieste e reportage
Vivisezione
  Rete dei Santuari in Italia
Rete dei Santuari di Animali Liberi in Italia
  Articoli per membro» espandi
  Contatore strage
5,468,732  Polli e Galline
269,534  Anatre
148,232  Maiali
102,118  Conigli
82,338  Tacchini
63,511  Oche
61,366  Pecore
41,109  Capre
34,794  Mucche e Vitelli
7,745  Roditori (esclusi i conigli)
7,507  Piccioni e altri uccelli
2,741  Bufali
477  Cavalli
357  Scimmie e asini
238  Cammelli e altri camelidi
 
Questo è il numero di animali uccisi nel mondo dall'industria della carne, del latte e delle uova da quando hai aperto questa pagina. Questo conteggio non include i miliardi di pesci e altri animali marini uccisi annualmente. Numeri basati sulle statistiche pubblicate da "Food and Agriculture Organization - USA".
  Blog Antispecista
Il blog di Laverabestia.org
  Earthlings - Il Documentario
Earthlings - Il Documentario
  Disclaimer
Tutti i contenuti pubblicati dai membri di Laverabestia.org sono soggetti alle regole elencate nei termini d'uso del sito.

La pubblicazione di contenuti inseriti dai membri, con esclusione dei contenuti video, non subisce alcuna forma di moderazione preventiva.

L'amministratore di Laverabestia.org si riserva comunque il diritto di rimuovere articoli o contenuti non ritenuti idonei, non pertinenti alle finalità della video community o in violazione di dei suoi termini d'uso, impegnandosi alla loro valutazione ma senza tuttavia assumersi alcun obbligo di sorveglianza in merito.

Unici responsabili della veridicità e correttezza delle informazioni e dei contenuti pubblicati sono da ritenersi esclusivamente gli autori dei medesimi articoli.

Tutte le informazioni di questo sito vengono diffuse a titolo informativo ed in nessun caso devono o intendono sostituire le indicazioni di professionisti qualificati.

L'amministratore di Laverabestia.org e l'intestatario del relativo dominio, non possono in nessun caso essere ritenuti responsabili dei contenuti pubblicati dai membri della community.

Cerca nel blog  Cerca nel blog        Archivio generale      Feed del blog  Feed del blog        Scrivi articolo


Pubblicato il 20-08-16 Light off
L'uomo, ovvero la preda armata



di Giulio Sapori - fonte animalignotus

 

Proponiamo un articolo di Roberto Marchesini che cerca di far chiarezza sul problema della violenza.


Quante volte ci siamo sentiti porre dal carnista la questione: “Perché il leone può mangiare la gazzella, mentre noi non possiamo ammazzare il maiale? Perché la nostra è violenza mentre quella del leone no?”. La risposta spontanea del vegano/vegetariano, solitamente, è: “perché tu NON sei un leone”.

 

Al che, l’altro prontamente risponde: “Beh, non sarò un leone ma, comunque, in quanto uomo, sono onnivoro, quindi DEVO mangiare ogni cosa: frutta, verdura ma anche carne”. L'onnivorismo deontologico è un argomento buono in ogni occasione: l'uomo sarebbe un predatore come gli altri quindi non v'è differenza tra il comportamento suo e quello del leone. Entrambi i comportamenti sarebbero forme di violenza naturali, quindi incriticabili e immodificabili. Ma è proprio così che stanno le cose?

Il problema della violenza è fondamentale poiché non riguarda solo le cose che ci troviamo nel piatto ma il nostro rapporto con tutto ciò che vive. E troppo spesso, storicamente, abbiamo giustificato moltissime violenze come naturali e necessarie che solo in seguito (molto dopo!) si sono rivelate per quello che, in realtà, erano: arbitrarie.

Dunque, andando dritti al punto: quando un comportamento può dirsi violento? e perché v'è differenza tra la predazione del leone e la 'predazione' dell'uomo?

L'etologo e filosofo Marchesini è chiaro: “La violenza emerge nel momento in cui un atto diventa deliberazione, un atto cioè che si basa su una scelta che noi possiamo decidere se compire o no”. La violenza c’è quando posso evitare un comportamento che arreca danno, sofferenza e morte ad un altro individuo e, volontariamente, lo compio o sostengo chi lo compie. Tutto qui.

Nella predazione, invece, non c’è deliberazione: o uccido per fame o muoio di fame.
La sopravvivenza non è violenza, ma necessità.
La predazione, oltretutto, è funzionale all’equilibrio dell’ecosistema poiché ne aumenta la biodiversità, tiene sotto controllo le popolazioni e sostiene la vita degli individui più sani. Effetti che, quando è l’uomo ad ammazzare, non avvengono.

Possiamo dire che la violenza sia la perversione della forza, dell’aggressività e della predazione.
L’uomo, più che un predatore, è una preda, armata fino ai denti.
Il problema della violenza credo sia per buona parte qui, dove l’insicurezza della preda si congiunge alla potenza micidiale delle armi: un mix davvero micidiale.  

- Questo l’articolo di Roberto Marchesini Perché il leone ha diritto di mangiare la gazzella ma noi NO - 31 maggio 2016 (www.marchesinietologia.it):

Quante volte osservando un documentario ci siamo imbattuti in una scena di predazione – il primo piano di un erbivoro intento a brucare in santa pace e poi l’agguato di un felino nascosto che fa presagire il peggio. Abbiamo provato compassione per la preda e sperato nel profondo del cuore che l’animale braccato potesse sfuggire al suo carnefice. La sofferenza di quell’animale che sta per morire ci appare con tutta forza e proviamo dolore e compassione per la sua sorte!


Talvolta la predazione può essere agghiacciante, com’è il caso della mantide religiosa che, afferrato il corpo della vittima, la divora lentamente con un ondeggiamento del capo. Anche i costumi delle vespe solitarie ci appaiono terrificanti nel loro anestetizzare il bruco e disseminare il suo corpo di piccole uova da cui sgusceranno le larve che lo svuoteranno dall’interno.


L’uccisione dei neonati, poi, ci trasmette un senso di repulsione ancora più forte: per esempio la strage delle giovani tartarughe che tentano di raggiungere il mare a opera dei gabbiani o lo strappare un cucciolo dal genitore per divorarlo, come succede di frequente nella quotidianità della savana. La predazione ci appare ancora più fastidiosa se il predatore sembra prendersi beffa o giocare con la preda, come fa il gatto con il topo o l’orca con la foca. Dimentichiamo però che la predazione è una lotta per la vita!


Rabbrividiamo perché ci immedesimiamo! Ma cerchiamo per un attimo di mettere il fermo immagine sulla scena, nell’istante che precede l’attimo in cui il ghepardo afferra una gazzella: velocità del ghepardo è la stessa della gazzella e viceversa, per cui possiamo dire che la velocità nel ghepardo è stata creata dalla gazzella così come l’inverso. La predazione ha dato forma a entrambi e in questo ha creato una condizione di sostanziale parità tra i due animali.

 

Da questo possiamo dire che, non conoscendo ancora l’esito del confronto – la scena è ghiacciata sul fermo immagine – non possiamo dire con certezza chi farà soffrire l’altro: può andare la gazzella potrà soffrire e morire perché raggiunta dal ghepardo, come per contro il ghepardo che non raggiungendola morirà di fame. Il ghepardo cioè non può scegliere, la gazzella non facendosi raggiungere compirà su di lui un atto di violenza, condannandolo a morire di fame o far morire i cuccioli a cui mamma-ghepardo avrebbe portato la preda.


Ma allora quando nasce la violenza? La violenza emerge nel momento in cui un atto diventa deliberazione, un atto cioè che si basa su una scelta che noi possiamo decidere se compire o no. Nel predare, il ghepardo non viola un patto e il suo atto non prevede alcuna possibilità di scelta e si svolge su una doppia possibilità: ogni tanto i ghepardi fanno soffrire le gazzelle e molto più spesso le gazzelle fanno soffrire i ghepardi.


Questo è il motivo che mi fa considerare come profondamente diversa e non assimilabile in alcun modo alla predazione, la caccia compiuta dall’essere umano. Mi spiego meglio. L’essere umano non ha una conformazione predatoria né anatomicamente – dentatura, struttura gastroenterica, profilo metabolico, carattere endocrino – lo dimostra il fatto che il consumo di carne ha effetti devastanti su tutti gli apparati, né etograficamente, mancando degli orientamenti predatori e dei pattern espressivi tipici del comportamento predatorio.


Se poi prendiamo in considerazione la nostra elettività verso il rosso, colore per antonomasia nella nostra specie a differenza dei carnivori, e il nostro orientamento verso il profumo dei fiori (ciò che anticipa i frutti) e dell’alcool (esito della fermentazione dei frutti) è evidente il carattere frugivoro (di raccoglitore di bacche e tuberi, quindi vegeteriano) della nostra specie. Non a caso i dottori si raccomandano di mangiare molta frutta per stare bene. Questo mi fa affermare che l’uomo è una preda e non un predatore.


L’uomo utilizza degli strumenti per uccidere gli altri animali e in realtà raccoglie le prede morte come se fossero bacche, funghi, radici, larve o uova.

La caccia è una violazione perché non esiste un doppio flusso nel rapporto con le sue eventuali prede, come accade nel caso del ghepardo. Mentre la gazzella può far soffrire e morire il ghepardo, il fagiano non ha alcuna possibilità di interagire col cacciatore. Tra l’uomo e gli animali che uccide quindi c’è un rapporto impari che mi fa affermare che non c’è nessuna legge di natura che possa giustificare tale sofferenze.

 


Autore e fonte del contenuto: L'autore e/o la fonte sono riportati nella parte iniziale o finale dell'articolo. Nel caso non risulti specificato nè un autore, nè una fonte, la paternità dell'articolo è da attribuirsi al membro che lo ha pubblicato, il quale ne assume conseguenzialmente anche la sua responsabilità. La relativa fonte e/o autore di ogni contenuto, ove riportati, devono essere sempre specificati in caso di condivisione del contenuto stesso. Per tutti gli altri contenuti quì presenti, pubblicati ma non condivisi o non attinti da fonti esterne a Laverabestia.org valgono le norme di licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0
Gaspare  Inserito da  Gaspare      Categoria  Fuori dai luoghi comuni       Condividi      
 
      Sostienici con un click - Segui Laverabestia.org su Facebook
 
      Articoli correlati
I würstel - Carne separata meccanicamente
I würstel di pollo sono preparati spremendo le carcasse dei volatili. Si chiama carne separata meccanicamente o poltiglia rosa, un sot...
Un pulcino di airone cammina grazie a dei calzini
I calzini di sua maestà Un piccolo di Airone Coronato Africano è riuscito a camminare dopo aver indossato piccoli calzini verde sme...
L'uomo - Animale onnivoro o fruttariano?
Le caratteristiche interne del nostro organismo differiscono profondamente dagli animali onnivori. Gli occhi che guardano avanti e no...
I botti di capodanno possono uccidere gli animali
Zanoni (LAC Veneto): "I fuochi artificiali sono causa di morte, ferimenti e traumi per cani, gatti, animali domestici ed uccelli....
 
   1 commento inserito
aniletto
Quest'articolo l'avevo già letto, ma una rinfrescata è sempre utile.
 Vuoi commentare questo articolo?  Registrati ora per avere un account personale o accedi se sei già membro



 
Perchè questa Community | Aiuto | Contatti | Termini d'uso | Banner | Flash Player |  VIDEO |  BLOG | Creazione e Sviluppo by Gaspare Messina