Registrati ora  |  Accedi       
 
  Home    Video   Categorie   Membri   Blog   Immagini   Citazioni   Libri   Stream   Carica
 

Blog HomeLeggi l'articolo
  Menù
    Scrivi articolo
    Archivio generale
    Articoli in evidenza
    Articoli vari
    Commenti
    Link e risorse
  Ultimi articoli
17-11-16 - Il mattatoio: lasciate ogni speranza, o voi che entrate.
17-09-16 - No, io non sono umano
17-09-16 - Il sistema reagisce. E noi gli diamo una mano
20-08-16 - L'uomo, ovvero la preda armata
27-07-16 - Un passo avanti e due indietro...
20-07-16 - Linguaggio e Animali: Animale sarai tu
  Sostieni Laverabestia.org
Sostienici con un click
Seguici su Facebook!
  Articoli per categoria
Alimentazione e mondo Veg
Ambiente ed ecologia
Animali e religione
Antispecismo e biocentrismo
Appelli e richieste di aiuto
Caccia e pesca
Canili, gattili e randagismo
Circo, corrida e spettacoli
Diritti umani
Eventi, manifestazioni e incontri
Fuori dai luoghi comuni
Iniziative, campagne e proteste
La fabbrica degli animali
Leggi e norme
Liberazione Animale
Libri
Maltrattamenti e crudelta
Notizie ed avvenienti
Pelli e pellicce
Pensieri e riflessioni
Petizioni
Siti, link e risorse utili
Societa e sistema
Specismo e antropocentrismo
Storie e racconti
Trasporto animali
Video, inchieste e reportage
Vivisezione
  Rete dei Santuari in Italia
Rete dei Santuari di Animali Liberi in Italia
  Articoli per membro» espandi
  Contatore strage
5,468,732  Polli e Galline
269,534  Anatre
148,232  Maiali
102,118  Conigli
82,338  Tacchini
63,511  Oche
61,366  Pecore
41,109  Capre
34,794  Mucche e Vitelli
7,745  Roditori (esclusi i conigli)
7,507  Piccioni e altri uccelli
2,741  Bufali
477  Cavalli
357  Scimmie e asini
238  Cammelli e altri camelidi
 
Questo è il numero di animali uccisi nel mondo dall'industria della carne, del latte e delle uova da quando hai aperto questa pagina. Questo conteggio non include i miliardi di pesci e altri animali marini uccisi annualmente. Numeri basati sulle statistiche pubblicate da "Food and Agriculture Organization - USA".
  Blog Antispecista
Il blog di Laverabestia.org
  Earthlings - Il Documentario
Earthlings - Il Documentario
  Disclaimer
Tutti i contenuti pubblicati dai membri di Laverabestia.org sono soggetti alle regole elencate nei termini d'uso del sito.

La pubblicazione di contenuti inseriti dai membri, con esclusione dei contenuti video, non subisce alcuna forma di moderazione preventiva.

L'amministratore di Laverabestia.org si riserva comunque il diritto di rimuovere articoli o contenuti non ritenuti idonei, non pertinenti alle finalità della video community o in violazione di dei suoi termini d'uso, impegnandosi alla loro valutazione ma senza tuttavia assumersi alcun obbligo di sorveglianza in merito.

Unici responsabili della veridicità e correttezza delle informazioni e dei contenuti pubblicati sono da ritenersi esclusivamente gli autori dei medesimi articoli.

Tutte le informazioni di questo sito vengono diffuse a titolo informativo ed in nessun caso devono o intendono sostituire le indicazioni di professionisti qualificati.

L'amministratore di Laverabestia.org e l'intestatario del relativo dominio, non possono in nessun caso essere ritenuti responsabili dei contenuti pubblicati dai membri della community.

Cerca nel blog  Cerca nel blog        Archivio generale      Feed del blog  Feed del blog        Scrivi articolo


Pubblicato il 27-07-16 Light off
Un passo avanti e due indietro...

Mi sto rendendo conto del perché il movimento per la liberazione animale faccia un passo avanti e due indietro: c'è ancora molta, molta confusione anche in moltissimi attivisti.

Ridurre il tutto al solo discorso della riduzione o eliminazione della sofferenza è sbagliato perché ciò significa che non si sta spostando di una virgola la percezione dello status ontologico degli altri animali che così continuano e continueranno comunque a essere considerati macchine produttrici o prodotti essi stessi. 

Gli animali non devono essere allevati (schiavizzati) perché sono individui che hanno tutto il diritto di non essere oppressi, dominati e uccisi e non perché, semplicemente e banalmente, non devono soffrire. 

Il principio del rispetto della libertà del singolo individuo è qualcosa di più del concetto così come viene attualmente inteso dalle norme giuridiche sullo sfruttamento animale (che lo intende solo come libertà dalla sete, dalla fame e nella soddisfazione di alcune esigenze fisiologiche primarie, ossia nel rispetto dei requisiti della mera sopravvivenza e non già piena esistenza).

L'unico discorso possibile da portare avanti per la liberazione animale è questo ed è per questo motivo che ogni "cambiamento" in un'ottica solo welfarista non può esser considerato un traguardo, bensì un passo indietro in quanto soddisfa unicamente il sistema che ha tutto l'interesse nel continuare impunemente a trarre profitto dagli animali. Finché nella mentalità comune non cambierà l'idea che essi siano macchine e quindi finché si avallerà qualsiasi iniziativa che non muti affatto la loro condizione esistenziale da res a individui, si rimarrà nell'ottica dell'ideologia carnista.

Dobbiamo portare avanti i principi libertari intesi come rispetto dei corpi animali, di tutti gli animali, non quelli della riduzione della sofferenza perché altrimenti si continuerà nel paradosso della macellazione etica, della carne felice e del "rispetto del benessere animale". 

Queste ultime (la carne felice ecc..) sono reazioni che ci si può aspettare dal sistema, ma che vengano sostenute e difese anche dalle associazioni animaliste è gravissimo. Peraltro ciò facendo si spacca il movimento in due con il risultato di far apparire all'esterno i singoli attivisti impegnati nella liberazione animale ancor più come estremisti ed esagerati. 

La gente, là fuori, non vede l'ora di poter dire che non c'è nulla di male nel mangiare le uova di galline allevate a terra perché anche le associazioni animaliste sostengono questa modalità di allevamento.
 
Peraltro gli allevamenti cosiddetti "estensivi" sottraggono ancora di più le già scarse precarie risorse del territorio contribuendo a inquinamento e sfruttamento del pianeta.

In ogni testo teorico e strategico che ho letto sulla liberazione animale si evidenzia quanto l'unico vero grosso ostacolo che possa sopraggiungere nel cammino della liberazione animale sia quello rappresentato proprio dalla cosiddetta carne felice, allevamento etico e "benessere animale"; ora, che questo sarebbe stato una carta giocata dal sistema ce lo dovevamo aspettare e difatti così è e facciamo una gran fatica ogni giorno per combattere le tante menzogne che vorrebbero le galline e mucche felici di continuare a "regalarci" i loro prodotti; purtuttavia, restando tutti uniti nello smentire questa enorme mistificazione possiamo anche sperare di superarlo; viceversa, se anche noi ci mettiamo ad avallarlo, allora veramente gli animali non hanno più speranza di uscire da quei lugubri capannoni entro cui sono relegati dalla nascita alla morte.

Questa riflessione segue e completa (per il momento!) il mio commento scritto ieri in risposta a questo articolo di Animal Equality, il quale, sfortunatamente, ha trovato sostegno anche in diversi (confusi!) animalisti o sedicenti tali; il commento, pubblicato sulla loro pagina FB e sulla mia pagina personale, è questo: 

Non concordo con questa presa di posizione decisamente welfarista di Animal Equality. 
Purtroppo l'abolizione delle gabbie non allevierà di un bel nulla la sofferenza di migliaia di galline che continueranno a essere comunque sfruttate e uccise quando la produzione di uova calerà, senza considerare il numero, altrettanto esorbitante, di pulcini maschi uccisi in maniere terrificanti.
Qui siamo al paradosso dell'allevamento felice e delle uova cruelty-free. Nell'articolo, oltretutto, non si fa minimamente accenno al fatto che si potrà parlare di un ragguardevole successo solo quando nessuno considererà più le galline al pari di macchine da sfruttare.
Mi spiace tanto leggere un articolo così sul sito ufficiale di un'associazione che ho sempre stimato e difeso e che solo qualche anno fa aveva portato in Italia attivisti come Chris DeRose o teorici come Melanie Joy, che ha raggiunto risultati importanti mostrando nei grandi media ufficiali il risultato di indagine investigative dentro i macelli e allevamenti e che continua a fare un ottimo lavoro portando nelle piazze un apparecchio che mostra l'orribile realtà di questi luoghi. Sì, probabilmente stare in gabbiette minuscole sarà sicuramente peggiore, questo non lo nego, ma peggiore rispetto a cosa? A stare comunque in ambienti sovraffollati, chiusi, perennemente esposti alla luce solare e a essere comunque sfruttate e uccise. In questo articolo ogni frase grida vendetta e anche la foto della gallina libera sul prato verde è mistificatoria. Poi ho notato che furbescamente, a voler fare l'analisi del testo sul piano semantico, ricorrete spesso al termine "abolizione", così da suggerire l'idea, nel lettore frettoloso, che si stia comunque parlando di abolizione. Mentre se ne parla solo relativamente alle gabbie.
Inoltre, ma non avevate fatto proprio voi un'investigazione che mostrava quanto le galline ovaiole negli allevamenti cosiddetti "bio" fossero comunque schiavizzate e provassero enormi sofferenze? Come potete scrivere che questo fatto allevierà la loro sofferenza? E vi rendete conto di quanti saranno coloro che non vedranno l'ora di poter impunemente continuare a comprare uova di galline allevate a terra sentendo di essere a posto con la coscienza perché, se lo dice anche un'associazione animalista come AE allora va bene? Io capisco la strategia dei piccoli passi, ma condotta comunque nell'ambito di una politica abolizionista e non solo riduzionista della sofferenza come state dichiarando adesso, ma di certo non capisco l'inganno a livello comunicativo quando esultate per questo che non è affatto un traguardo e dite che finalmente le galline non soffriranno più. Da vostra ammiratrice (ho partecipato con gioia a tante vostre manifestazioni) mi sento veramente tradita e delusa. Siete un'associazione molto seguita e come tale avete una responsabilità molto grande. State comunicando che mangiare uova di galline allevate a terra sia un bel traguardo. E, come volevasi dimostrare, leggo i primi commenti entusiasti: "Da tempo non compro le uova di galline allevate in gabbia. Se questa abitudine civile si diffondesse, i consumatori contribuirebbero a far calare le vendite di uova da galline allevate in gabbia e a far aumentare i consumi di quelle allevate a terra".
Che bello, aumenteranno i consumi di uova di galline allevate a terra!"

di Rita Ciatti - fonte ildolcedomani.com

Autore e fonte del contenuto: L'autore e/o la fonte sono riportati nella parte iniziale o finale dell'articolo. Nel caso non risulti specificato nè un autore, nè una fonte, la paternità dell'articolo è da attribuirsi al membro che lo ha pubblicato, il quale ne assume conseguenzialmente anche la sua responsabilità. La relativa fonte e/o autore di ogni contenuto, ove riportati, devono essere sempre specificati in caso di condivisione del contenuto stesso. Per tutti gli altri contenuti quì presenti, pubblicati ma non condivisi o non attinti da fonti esterne a Laverabestia.org valgono le norme di licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0
Gaspare  Inserito da  Gaspare      Categoria  Liberazione Animale       Condividi      
 
      Sostienici con un click - Segui Laverabestia.org su Facebook
 
      Articoli correlati
SEMPRE ALLERTA! di Walter Bond
SEMPRE ALLERTA! di Walter Bond Dal giorno in cui sono stato arrestato, i miei sostenitori mi hanno fatto diverse domande; le due p...
Intervento telefonico di Walter Bond durante il benefit del 16 luglio in Florida
INTERVENTO TELEFONICO DI WALTER BOND DURANTE IL BENEFIT DEL 16 LUGLIO IN FLORIDA di Walter Bond   Quello che segue è l'intervento c...
Dichiarazione Finale alla Corte (secondo processo, Utah), di Walter Bond
DICHIARAZIONE FINALE ALLA CORTE (UTAH) di Walter Bond Il 13 ottobre 2011, Walter Bond è stato condannato a 87 mesi di carcere p...
In Difesa della Resistenza Clandestina, di Walter Bond (13/03/11)
IN DIFESA DELLA RESISTENZA CLANDESTINA di Walter Bond   E' in atto una guerra. Ogni secondo, 321 “animali da reddito” vengono mace...
 
   2 commenti inseriti
RIC78
Gaspare...purtroppo molti animalisti e associazioni non credono ad un futuro vegan...per molti non ce la si puo' fare e quindi mirano ad ottenere qualsiasi miglioramento possibile...e quindi cosa fare? ..francamente serve un movimento animalista piu' impegnato soprattutto politicamente...serve coinvolgere persone di spicco che riescano a parlare alla massa di carnismo e specismo...servono campagne di comunicazione piu' importanti...serve gente preparata e non un gruppo di attivisti che vive isolato dalla societa' in qualche eremo felice...serve fare rete mondiale con altre associazioni...serve una campagna mondiale...
multispecismo
Segnalo un progetto che da anni ormai, in Italia, studia, denuncia e fa mobilitazioni contro la logica della "carne felice", degli allevamenti "etici", e così via: http://www.bioviolenza.blogspot.it
 Vuoi commentare questo articolo?  Registrati ora per avere un account personale o accedi se sei già membro



 
Perchè questa Community | Aiuto | Contatti | Termini d'uso | Banner | Flash Player |  VIDEO |  BLOG | Creazione e Sviluppo by Gaspare Messina